Petizione Popolare per il Porto di Bari

Una petizione popolare per restituire il Porto di Bari alla cittadinanza

Mail0077Quello che il Centro Scambi Mediterranei tenta di introdurre a Bari con una petizione popolare per l’ “apertura” del Porto alla Città, che sta raccogliendo sempre più consensi, è realtà a Napoli.
Nell’area portuale partenopea è stato realizzato, da ormai 2 mesi, un centro commerciale composto da 52 negozi del quale usufruiscono oltre che i croceristi anche i cittadini napoletani.
Com’è noto, la stazione marittima di Napoli, come quella di Bari, si trova al centro del centro della città e le problematiche attinenti la sicurezza, nel suo senso più lato, sono simili in entrambe le aree portuali.
Il Centro Scambi Mediterranei, con l’iniziativa intrapresa al fine di sensibilizzare al tema le Istituzioni (Regione, Provincia e Comune) insiste nel voler realizzare ciò che ora è riuscito nella città di Napoli: la trasformazione dell’area da porto di interscambio a porto di accoglienza per i turisti e a opportunità economica per la Provincia e per la città di Bari.
Il Centro Scambi Mediterranei, invita tutti gli esponenti delle Istituzioni pugliesi, eccezion fatta per il Presidente della Provincia Schittulli che immediatamente ha sottoscritto la petizione. a fare una gita a Napoli per vedere come un porto può diventare occasione di sviluppo economico per una intera Regione.
Dal porto di Bari ogni anno si imbarcano o sbarcano oltre 2 milioni di passeggeri, se facessimo prendere a ciascuno di essi un cappuccino ci sarebbe un introito di circa 2 milioni di euro, e se comprassero pure un cornetto? Purtroppo, invece, nell’area portuale non c’è neppure un bed and breakfast dove far riposare per una notte le decine di migliaia di camionisti in transito.
Certamente la desertificazione del porto di Bari rende il porto più sicuro. Ma Bari e la Puglia hanno bisogno di un porto del genere? E se non ne hanno bisogno, Cui prodest?, a chi giova un porto del genere?

Bari, 1 luglio 2011
Il Presidente
Avv. Paolo Scagliarini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *